Denti del giudizio

Spesso accade che mandibola ed osso mascellare siano troppo piccoli per permettere la normale eruzione dei denti del giudizio (o terzi molari). Questi potranno quindi essere parzialmente o totalmente inclusi nell’osso e nella gengiva, e condurre a patologie che si risolvono talvolta solo con la loro estrazione, nonostante costituiscano, quando sono sani, un patrimonio per la bocca del paziente.

L’estrazione dei terzi molari dovra' essere eseguita nei seguenti casi:

  • - quando gli elementi favoriscono ripetute infezioni causando gonfiore, ascessi, dolore e difficolta' nei movimenti della bocca;
  • - quando possono danneggiare i denti adiacenti e non si possa intervenire in maniera diversa se non con l’estrazione;
  • - quando e’ previsto un trattamento ortodontico ed e’ necessario spazio;
  • - quando gli elementi siano non allineati con gli altri e rendono difficili la normale igiene orale